IT

L'Autodromo del Mugello è stato premiato dalla FIM (Federazione Internazionale di Motociclismo) per i suoi continui sforzi nel sostegno e nel miglioramento della sostenibilità. Un prezioso riconoscimento che testimonia ancora una volta quanto l'impianto di proprietà Ferrari sia all'avanguardia.

"Questo riconoscimento testimonia tutti gli sforzi che il circuito sta facendo sotto questo aspetto. Avete iniziato undici anni fa con il programma Kiss Mugello e guardate dove siete arrivati adesso. Questa è una testimonianza di quanto ci tenete al tema della sostenibilità. Grazie anche per il vostro impegno nella biodiversità che sicuramente ci sarà d'aiuto per sostenere la natura e il suo ecosistema", le parole di Katia, membra della FIM.

Una volta ricevuto il premio, il direttore dell'Autodromo Paolo Poli, oltre a dichiararsi entusiasta, ha messo in evidenza il grande lavoro svolto per il raggiungimento di questo fondamentale traguardo: "Ogni anno ci sforziamo per mantenere e proteggere la biodiversità con qualcosa di nuovo. Credo che quello che abbiamo fatto fino ad ora sia davvero qualcosa di importante per lo sport, per la natura, per il mondo e per le nostre vite. Grazie a te Katia e alla federazione che ci avete sostenuto e ci sostenete in questa lunga corsa. E siamo solo all'inizio". 

 

E per un grande evento come quello della MotoGp al Circuito del Mugello non poteva non esserci un grande Dj. Stiamo parlando di Ilario Alicante, livornese con la passione per la musica fin da piccolo, che quest'anno farà ballare e divertire tutti i fan delle due ruote che, a fine gara, domenica 2 giugno, si riverseranno sotto i piedi del podio per l'After Podium Show durante la consueta e sacra invasione di pista.

Dai mix nella sua cameretta fino a eventi come il Circoloco e il Cocoon, girando tra Italia, Germania e Spagna, innamorato della musica house con sfumature e cadenze latine, minimal techno e elettroniche, Alicante si consacra nel panorama internazionale con la sua "Vacaciones en Chile".

E' l'artista più giovane della storia a mettere piede nella celebre consolle del Time Warp 2008 di Rotterdam. Nel 2016 la sintesi del suo percorso si materializza nella sua ultima creazione: "VIRGO Transmission", un laboratorio dove Ilario sperimenta suoni avvalendosi di numerose collaborazioni.

Nel 2019 arriva infatti quella celebre con Giorgio Moroder coronata dal party in Italia che li ha visti protagonisti. Nel 2020 in occasione della pandemia per Covid19, Ilario celebra la fine del lockdown con la leggendaria performance all'Albero della Vita a Milano arrivando a più di 1 milione di visualizzazioni in 130 paesi di tutto il mondo.

Il 2022 ed il 2023 sono due anni nei quali diventa protagonista di esclusivi b2b con i più grandi esponenti del suo genere musicale. E adesso Ilario, non ha nessuna intenzione di fermarsi, anzi è prontissimo per scatenarsi sopra il rettilineo del Mugello!

E dopo l'inno di Mameli cantato dal tenore Maurizio Marchini le sorprese all'Autodromo del Mugello per domenica 2 giugno non finiscano qui. Una volta terminata l'ultima nota del canto nazionale infatti, una formazione di tre caccia Eurofighter del 51° Stormo dell'Aeronautica Militare sorvolerà la griglia di partenza. Uno splendido momento per celebrare nel migliore dei modi il Gran Premio d'Italia.

La presenza degli Eurofighter a questa importante manifestazione sportiva vuole onorare un connubio consolidato ed una naturale affinità, che accomunano l'Aeronautica Militare al mondo dello sport motoristico: la ricerca costante dell'innovazione e della tecnologia, accompagnate a professionalità, dedizione e costante addestramento sono caratteristiche ben presenti tanto nei Reparti dell'Aeronautica Militare quanto nei team del Moto GP.

I velivoli militari Eurofighter del 51° Stormo di Istrana assicurano, insieme agli Eurofighter del 4°, 36°, 37° Stormo e agli F-35 del 32° Stormo, la difesa aerea e il servizio di Quick Reaction Alert della NATO, sia in ambito nazionale che internazionale a protezione dei cieli dei paesi dell'Alleanza Atlantica.

Una sprint perfetta, dominata dall'inizio alla fine. Si conclude così il sabato di gloria di Pecco Bagnaia che trionfa nella mini gara del sabato. Il n.1 della Ducati parte a razzo riuscendo a rimanere in sella alla sua Desmosedici fino al traguardo finale. 

Secondo posto per Marc Marquez che dopo una partenza non perfetta riesce a rimontare con dei sorpassi degni della sua fama. Completa il podio il fenomeno della GasGas Pedro Acosta

Ai piedi del podio un magnifico Franco Morbidelli, partito sesto e arrivato quarto alla bandiera a scacchi, seguito da Maverick Vinales.

E Martin? Il leader del mondiale ha perso il controllo della sua Ducati uscendo alla San Donato. Out anche Bastianini dopo un contatto proprio con il n.89.

In ottica mondiale Martinator rimanere in testa alla classifica con 27 punti di vantaggio su Bagnaia e 32 su Marquez.

A fine gara Nuvola Rossa ha caricato ancora di più, come se ce ne fosse bisogno, il circuito del Mugello in vista della gara di domani: "E' stato incredibile. Mi sono goduto ogni giro. La moto funziona perfettamente. Nel GP sarà dura, ma concludere una Sprint è positivo. Vincere qui, davanti a questo pubblico, è davvero incredibile".

 

Sotto un sole splendente Jorge Martin scatterà dalla pole position nel Gp d'Italia con il tempo record di 1'44.504 per il circuito del Mugello. Pecco Bagnaia battuto per soli 43 millesimi, anche se domenica dovrà scontare 3 posizioni di penalità in griglia. Completa la prima fila Maverick Vinales, confermando quanto fatto di buono nella prima sessione di prove libere.

Seconda fila per Marc Marquez caduto in curva 11 a pochi minuti dalla conclusione del Q1. Dietro allo spagnolo, la coppia tutta italiana formata da Enea Bastianini e Franco Morbidelli. Completano la top10 Pedro Acosta, Alex Marquez, Aleix Espargaro e Alex Rins.

Un compito non semplicissimo per Nuvola Rossa, ma che spinto dal fantastico pubblico in tribuna e sulle colline, proverà sicuramente a compiere l'impresa di portare ancora il suo numero 1 sul gradino più alto del podio.

Giovedì 30 maggio nel Palazzo dei Vicari a Scarperia si è alzato il sipario per la seconda edizione di GustoMugello, l’iniziativa promossa da Confcommercio e Coldiretti per dare il benvenuto ai protagonisti del Motomondiale. L’evento di promozione e valorizzazione del territorio e delle filiere agricole locali ha
acceso i riflettori in occasione della tappa del MotoGp mondiale, che andrà in scena sul circuito di Scarperia e San Piero per il Gran Premio d’Italia il 2 giugno 2024. La serata, in esclusiva per piloti, le case automobilistiche e la stampa del Mugello, si è aperta alle 18:30 per proseguire fino alle 22:30 fra assaggi e degustazioni delle
migliori specialità mugellane. Dall’immancabile tortello di patate alla bistecca alla fiorentina cotta sul momento sulla brace. E per non farsi mancare nulla dolci realizzati con la farina di marroni mugellani Igp.

Presenti anche i maestri coltellinai di Scarperia che hanno mostrato la loro abilità raccontando la loro storia e dando anche qualche consiglio su come tagliare la carne. Il tutto è stato accompagnato da brani Jazz e lounge cantati dal vivo da Deb Jones. “Il Gran Premio d’Italia è diventato il Gran Premio del Mugello. Siamo davanti agli
occhi del mondo e sappiamo quanto sia importante rappresentare le migliori professionalità d’Italia. Abbiamo le migliori professionalità in pista, i migliori piloti al mondo, le migliori case motociclistiche del mondo. Oltre a questo, siamo campioni nel mondo anche nel gusto, nell’agroalimentare e quindi quale migliore modo per
festeggiare se non stasera? Quest’anno è il 34esimo Gran Premio organizzato da quando Ferrari è diventata proprietaria dell’autodromo. E’ il 50esimo anniversario della fondazione Circuito del Mugello. Insomma, una storia lunghissima che arriva qui stasera e che sicuramente avrà un grande futuro. Viva la MotoGp, viva il Campionato Mondiale, viva Confcommercio, viva la Corldiretti e viva tutti voi!”, il commento del direttore dell’Autodromo del Mugello Paolo Poli.

Alle sue parole hanno fato eco quelle del sindaco di Scarperia e San Piero Federico Ignesti: “Questa serata credo sia una degna celebrazione di questo bellissimo fine settimana che poi terminerà con la gara della MotoGp domenica, che tra l’altro è anche la Festa della Repubblica. Le produzioni agroalimentari del nostro territorio
sono fondamentali, non solo per la qualità ma anche perché presidiano il nostro territorio. In momenti di fragilità idrologica diventa importante avere aziende, allevatori che investano e continuano a lavorare sulla qualità. Questo tipo di lavoro immerso poi nella nostra coltelleria artigiana plurisecolare penso sia un connubio bellissimo”.

L’ultimo commento è spettato infine a Paolo Beltramo, soddisfatto della bellissima serata: “Prodotti strepitosi, buonissimi ed eccellenti. Il Mugello, Scarperia e la Toscana sono qualcosa di stupendo. Siamo in un posto magico e questa serata non poteva essere altrimenti”.

Il Gran Premio d’Italia è iniziato con l’inaugurazione dell’apiario del Mugello all’interno della Curva San Donato alla presenza del Direttore e Amministratore delegato Paolo Poli, del nr 1 della Dorna Carmelo Ezpeleta e una rappresentanza dei piloti della MotoGP, Moto2, Moto3 e MotoE.   

Nel giovedì in cui ancora i motori tacciono, i protagonisti delle due ruote sono stati a una delle curve più belle del circuito, quella della San Donato, in veste di apicoltori. 

L’impianto della Ferrari, da sempre attento alla sostenibilità, nel mese di maggio ha installato 5 arnie per le api impollinatrici. E proprio i piloti sono diventati i protagonisti della scena. Affiancati da un apicoltore locale hanno potuto distinguere l’ape regina dall’ape operaia e il miele del polline. Ma le prove non sono finite qui. A loro è stato anche chiesto di disegnare, secondo la loro immaginazione, questi importantissimi insetti, responsabili del 80% dell’impollinazione di tutte le specie vegetali viventi.

I piloti hanno anche potuto apprezzare il cordolo della curva San Donato, colorato per l’occasione di giallo e nero. Un chiaro riferimento ai colori delle api.

Paolo Poli, ceo e Direttore dell’Autodromo del Mugello,  ha messo in evidenza l’importanza della biodiversità non solo in questo circuito ma in tutto il mondo: “L’opinione pubblica ci guarda in tutto il mondo. Il nostro sport può diventare una piattaforma privilegiata per lanciare dei messaggi importanti come l’importanza dell’ambiente.  Al Mugello abbiamo sempre cercato di dare il nostro contributo  per preservare la bellezza del territorio, le colline toscane. Il Mugello ha un’anima green e ogni anno facciamo interventi mirati. Abbiamo pensato di incentivare la biodiversità di questo parco meraviglioso dove abita tanta vita. Il tutto nasce dall’elemento principe della natura: l’ape che è quella da cui tutto poi si sviluppa. E abbiamo cercato un luogo iconico dove poterla mettere in dimora affinché facesse il suo lavoro e affinché potesse incentivare lo sviluppo del verde. L’immagine che vogliamo dare è quella di una MotoGp e di un Autodromo del Mugello attento alla sostenibilità, alla natura e al futuro”.

E così anche per quest’anno l’inno di Mameli al circuito del Mugello sarà cantato da un tenore di fama internazionale. Si chiama Maurizio Marchini, nato a rimini con la passione per la musica. Trombettista all’età di 7 anni, nel 2007 completa gli studi universitari di canto e discipline musicali al conservatorio L. Cherubini di Firenze proponendo alla commissione una tesi di laurea “mista” (canto e discussione teorica), dal titolo: “Il linguaggio melodico nel duetto d’amore del primo quadro di Bohème”.

Ma non è tutto qui perché il tenore si è esibito in numerosi concerti privati, anche per famosi artisti internazionali, tra cui John Legend e Leona Lewis.

Nel 2020, durante il periodo del Covid, si consacra in tutta Italia con il suo “Nessun dorma” cantato dal balcone che diventò virale in poche ore raccogliendo, tra gli altri, anche i complimenti di Barbara Straisand e Nicole Kidman.

E adesso il tenore di Rimini è pronto per far cantare e per far emozionare tutto il circuito del Mugello, con la sua voce che scalderà i cuori di tutti gli appassionati del motorsport.